maddalena bertello
 
Dicono di me


Marilina di Cataldo
giornalista
                                                                                                   settembre 2012

L'approfondimento sul nostro spirito interiore è il fulcro della riflessione di Maddalena Bertello, che non parte dal dato visivo del campo retinico, ma da quello della sua elaborazione mentale, che si manifesta non solo attraverso segni e colori, ma anche con inserimenti sulla tela di materiali non pittorici, tracce di una libertaria esigenza esplorativa.


Giovanni Cordero
Soprintendenza per i beni storico artistici della Regione Piemonte
                                                                                                      maggio 2012

Maddalena Bertello, grazie all'utilizzo di materiali extra artistici associato ad una gamma cromatica dai toni bassi e opachi delle terre bruciate e dell'ocra, determina un dialogo interattivo tra lo spazio pittorico bidimensionale e lo spazio plastico tridimensionale. Le opere risolte in maniera materica, con segni pregrafici e nervosi interventi gestuali, evocano atmosfere primigenie e testimoniano la sua ansia permanente di sperimentazione.


Francesco Lucertini
Storico dell'arte
                                                                                                     ottobre 2011

Interessante e plastico è il modo di trattare i materiali scelti da Maddalena Bertello per esprimere emozioni artistiche su un supporto che non è fatto di tela e che a buon diritto la sostituisce integralmente. Stucco, resina e gesso vengono alchemicamente mescolati e impastati e talora commisti a frammenti di vetro e plastica in una sorta di moderno bassorilievo, nel quale pezzi di corda legano fra loro motivi diversi a realizzare un insieme che obbliga lo sguardo alla riflessione.


 
Maddalena Bertello  - P.Iva 10491310016 - via della Consolata 15, 10122 Torino 
  Site Map